di Francesco Vignoli

Le regole di assunzione degli oligoelementi
I preparati oligoterapici, generalmente sotto forma di gluconati, vanno somministrati per bocca, preferibilmente al mattino, mentre la somministrazione serale mezzora prima del pasto. Se è indicata la somministrazione di 2 oligoelementi, è  far assumere l’oligoelemento di base o diatesico al mattino, a digiuno (Manganese, Manganese‑Rame, Manganese‑Cobalto, Rame‑Oro‑Argento) e l’oligoelemento complementare, alla sera, prima delle ore 21.
La durata media di un trattamento iniziale con oligoelementi è di 2-3 mesi.
I cicli di trattamento possono essere ripetuti, ma rispettando sempre una pausa di almeno 30 giorni.

La posologia media consigliata varia da metà fiala o 15 gocce ad una fiala o 30 gocce se il prodotto è preparato in gocce, comunque va adattata alla reattività dell’animale, solitamente nelle forme acute la somministrazione è più frequente.
In presenza di un aggravamento iniziale, in particolare dopo la somministrazione di Manganese, va sospeso il trattamento per 8‑10 giorni e ripreso con somministrazioni meno frequenti.

Le principali regole posologiche in oligoterapia (riepilogo)
1. In generale, i preparati oligoterapici, generalmente sotto forma di gluconati,
2. L’oligoterapico prescritto al mattino, verrà assunto a digiuno, almeno 5 minuti prima del pasto.
3. La somministrazione serale di oligoelementi deve avvenire almeno mezzora prima del pasto non oltre le ore 21.
4. Se la prescrizione prevede 2 oligoelementi al giorno, è preferibile far assumere l’oligoelemento di base o diatesico, al mattino, a digiuno e l’oligoelemento secondario, alla sera.
5. Quando la prescrizione prevede 3 oligoelementi al giorno, ci si comporta come nella situazione precedente e si inserisce la somministrazione del terzo oligoelemento, nel corso della giornata (seguendo le indicazioni del veterinario prescrittore).
8. E’ opportuno evitare la doppia somministrazione quotidiana di 2 oligoelementi e preferire, invece, la prescrizione di una doppia somministrazione di ciascun oligoelemento, ma a giorni alterni.
7. La durata media di un trattamento iniziale è di 1-2 mesi per il Manganese e di 2-3 mesi per gli altri oligoelementi di base o diatesici.
8. I cicli di trattamento possono essere ripetuti, ma rispettando sempre una pausa di almeno 30 giorni.
9. Quando si alternano più oligoelementi nel corso della settimana, è preferibile non lasciare delle “finestre” terapeutiche, è più agevole per il paziente seguire un trattamento quotidiano, 3 settimane al mese, piuttosto che 5 giorni alla settimana per periodi prolungati.
10. In presenza di un aggravamento marcato, soprattutto dopo la somministrazione di Manganese per manifestazioni allergiche, è bene sospendere il trattamento per 8‑10 giorni.

La logica delle associazioni di oligoelementi
Una grande parte delle prescrizioni in oligoterapia catalitica prevede l’associazione di oligoelementi di base e complementari. La sinergia tra elementi mira a rendere ottimale l’effetto terapeutico. Le esemplificazioni proposte per ciascuna “diatesi” non sono indicazioni rigide, ma una guida modulabile in funzione della varietà della patologia e della sua evoluzione.

Diatesi 1 Nell’asma allergica il Manganese viene associato allo Zolfo e al Fosforo, mentre nel trattamento dell’emicrania si sfrutta la sinergia di Manganese, Cobalto, Fosforo e Zolfo.
Diatesi 2 Per la prevenzione delle infezioni recidivanti delle prime vie aeree dei cuccioli, è utile associare Manganese‑Rame e Zolfo, mentre nei casi più gravi è opportuno integrare, Rame‑Oro‑Argento.
Diatesi 3 L’indicazione sinergica di Manganese‑Cobalto, Magnesio e Potassio è vantaggiosa per le sindromi dolorose artrosiche, con l’aggiunta di Fluoro in caso di osteoporosi.
Diatesi 4 Nella depressione, caratteristica della diatesi ”anergica”, si alterna Rame‑Oro‑Argento con il Litio.

La strategia generale dell’oligoterapia catalitica
Lo scopo fondamentale dell’oligoterapia catalitica è la correzione delle alterazioni funzionali, inquadrate nei 4 modelli reattivi generali, detti “diatesi”, mediante la somministrazione dell’oligoelemento diatesico specifico (Manganese, Manganese‑Rame, Manganese‑Cobalto, Rame‑Oro‑Argento), eventualmente integrata dalla prescrizione di oligoelementi complementari o ad attività neuroendocrina (Zinco‑Rame, Zinco‑Nickel‑Cobalto).
Vengono elencate, in maniera schematica, le fasi della metodologia in oligoterapia catalitica, cioè il criterio con cui si sceglie il rimedio oligoterapici.
1. Raccolta delle informazioni completa e coerente  finalizzate allo studio di familiarità, tendenze morbose e aspetto psicocomportamentale dell’animale in esame.
2. Interpretazione dei dati dalle informazioni raccolte, da cui  si cerca di individuare la diatesi dominante, secondo il modello interpretativo della Medicina Funzionale Energetica.
Diatesi 1 “allergica” o del Manganese. 
Diatesi 2 “ipostenica” o del Manganese‑Rame.
Diatesi 3 “distonica” o del Manganese‑Cobalto.
Diatesi 4 anergica o del Rame‑Oro‑Argento.
3. Scelta dell’oligoelemento o degli oligoelementi di base, eventualmente associati ad oligoelementi complementari e dei tempi e modalità della terapia.
4. Verifica  del terreno o diatesi, indotte terapeuticamente con  un controllo clinico dopo 2‑3 mesi.

Le controindicazioni
Il termine “controindicazioni” riferito all’oligoterapia è improprio, in quanto gli oligoelementi non solo sono atossici, ma addirittura dei regolatori. Per l’oligoterapia catalitica è più opportuno parlare di “non‑indicazioni”.
Gli oligoelementi non sono consigliati nelle lesionali gravi, nelle insufficienze d’organo conclamate, nei gravi disturbi nervosi in cui si richiede un altro tipo di assistenza, che comunque si può giovare,come mezzo complementare anche dell’oligoterapia.
L’uso prolungato e regolare di cortisonici, assunti per un periodo superiore 3 mesi, o il trattamento con psicofarmaci (barbiturici nei casi di epilessia), costituiscono un ostacolo all’attività degli oligoelementi.
In caso di errore diagnostico, l’oligoelemento somministrato non evidenzia effetti favorevoli o negativi, ma si rivela semplicemente inutile.
Si può segnalare un’intolleranza piuttosto rara al Cobalto, assunto in forma semplice o come Manganese‑Cobalto, con  malesseri transitori e disturbi all’equilibrio. In alcuni casi la somministrazione di Rame può indurre turbe digestive con leggeri addominali. Tali fenomeni reattivi cessano con l’arresto della somministrazione.
Dopo la somministrazione di Manganese, le manifestazioni allergiche possono presentare un’accentuazione transitoria. In tal caso si interrompe la somministrazione di Manganese per 8‑10 giorni e si riprende con una posologia ridotta (una dose ogni 7‑14 giorni).

Talvolta viene attribuita la comparsa di irritabilità dopo la somministrazione di Rame‑Oro‑Argento, in realtà ciò è dovuto alla correzione dell’energia (guarigione naturale), con passaggio dalla diatesi 4 alla diatesi 1, caratterizzata da agitazione serale.
In questa caso andrà modificato il trattamento con la somministrazione di Manganese, talora associato a Litio ed Alluminio.
Da alcuni anni in commercio esistono preparazioni di oligoelementi  in forma omeopatizzata, cioè sottoposti alla diluizione e dinamizzazione, in grado di mantenere inalterata la caratteristica attività propria dei singoli metalli, col vantaggio di non creare, quei rari effetti collaterali che ho accennato sopra e che la letteratura riporta a seguito di esperienze cliniche passate;questo conferma ulteriormente la validità e la assoluta mancanza di tossicità e di manifestazioni collaterali spiacevoli per i nostri animali, consentendo terapie più lunghe e vantaggiose in certi casi di patologie croniche.

Dopo questa breve panoramica sulla oligoterapia soprattutto catalitica, applicabile nella terapia dei piccoli animali, come negli altri capitoli seguirà un elenco generale di indicazione di questi rimedi in alcune patologie, come ulteriore esemplificazione dell’uso di questi prodotti, seguendo comunque sempre i criteri di scelta in base alle diatesi principali.

Adenopatie: manganese-rane/rame-oro-argento
          Associare: iodio-bismuto-zolfo
Agitazione: rame-oro-argento/manganese-cobalto
          Associare: litio, alluminio
Allergie: manganese/manganese-rame
         Associare: zolfo-iodio-ferro-magnesio
Alopecia: manganese/manganese-cobalto
         Associare: zinco-rame/manganese-zolfo-iodio-germanio
Anemie: manganese-cobalto
         Associare: ferro-rame-cobalto/selenio-iodio-cobalto
Ansia: manganese-cobalto/rame-oro-argento
         Associare: alluminio-litio-magnesio-zinco
Artrite: manganese/manganese-rame/rame-oro-argento
         Associare: calcio-fosforo-ferro-magnesio-silicio
Ascite: rame-oro-argento
         Associare: manganese-cobalto/cobalto-zinco-nickel-zolfo-litio
Asma bronchiale: manganese/manganese-cobalto
         Associare: manganese-rame-zolfo-ioidio
Azotemia: manganese-cobalto/rame-oro-argento
          Associare: magnesio-litio-potassio
Bronchite cronica: manganese-rame  
          Associare: rame-zolfo
Capelli forfora: rame-oro-argento
          Associare: zinco-nickel-cobalto-silicio-zolfo
Carie dentaria: manganese ai giovani/rame-oro-argento a tutte le età
Cistite: manganese-rame/rame-oro-argento
          Associare: magnesio-rame-ioidio
Colica renale: manganese-cobalto/rame-oro-argento
          Associare: cobalto-bismuto-magnesio
Convulsioni: manganese-cobalto
          Associare: magnesio-fosforo-iodio
Cuore, cardiopatie: manganese-cobalto
          Associare: fosforo-magnesio-cromo
Dentizione dolorosa: manganese
          Associare: calcio-fosforo-magnesio-ferro-silicio-litio
Dermatite squamosa: rame-oro-argento
          Associare: zinco-selenio-zolfo-iodio-silicio
Dermatite eritematosa: manganese-rame/manganese-cobalto
          Associare: zolfo-rame
Dermatite pustolosa: manganese/rame-oro-argento
          Associare: zinco-rame/zolfo-iodio-rame
Dermatite ulcerativa: manganese/rame-oro-argento
          Associare: zinco-zolfo-ioidio-bismuto-rame
Distorsioni: manganese-rame
          Associare: magnesio-ferro-ioidio-silicio
Eczema secco: manganese-rame
          Associare: zolfo-litio
Eczema umido: manganese
          Associare: zolfo-magnesio
Edema allergico: manganese/manganese-rame/rame-oro-argento a seconda dell’età
          Associare: zolfo-magnesio
Epilessia: manganese-cobalto
          Associare: litio-alluminio
Fistole perianali: manganese-rame
          Associare: manganese-cobalto/cobalto/rame/zolfo/iodio/silicio
Fratture ossee: manganese-rame/manganese-cobalto
          Associare: rame-ferro-calcio-magnesio
Gastroenterite: manganese-cobalto
          Associare: zinco-nickel-cobalto/zolfo-litio
Infezioni facilità: manganese-rame/rame-oro-argento
          Associare: zinco-rame/zinco-selenio-silicio-germanio
Insufficienza renale: rame-oro-argento
          Associare: rame-potassio-litio-manganese-cobalto-zolfo
Laringite: manganese/manganese-rame
          Associare: rame-iodio-bismuto-zolfo
Micosi: manganese-rame/manganese-cobalto
          Associare: zinco-selenio-manganese-silicio-germanio
Naso sinusite: manganese-cobalto
          Associare: cobalto-magnesio-zolfo
Otite: manganese-rame/rame-oro-argento
          Associare: cobalto-selenio-iodio
Ovaie disturbi: manganese-cobalto/rame-oro-argento
          Associare: zinco-rame-iodio-zolfo
Prurito: manganese
          Associare: rame-oro-argento+ zolfo per un mese/rame-oro-argento
                    Alternato a zinco-nickel-cobalto+zolfo
Reumatismi muscolari: manganese/manganese-cobalto
          Associare: rame-oro-argento/magnesio-fosforo-zolfo-alluminio
Spasmi: manganese-cobalto
          Associare: magnesio-fosforo-iodio-potassio-litio
Tosse: manganese-rame
          Associare: zolfo-fosforo-bismuto-magnesio
Uretrite: manganese-cobalto/rame-oro-argento
          Associare: zolfo-bismuto-magnesio-iodio
Vomito: manganese-cobalto
          Associare: litio-cobalto-manganese-iodio-rame

 Oligoterapia nei piccoli animali

Bibliografia
– Prontuario di omeopatia: Mario Aluigi, consigli pratici di terapia energetica per le famiglie. Guaraldi/Gufo edizione 1996.
– Le altre Medicine: Mario Aluigi, compendio di medicina omeopatica e medicina tradizionale cinese AIEP/Guaraldi Editore 1994.
– Agopressione: il metodo d’agopuntura senza aghi Maurizio Rosemberg Colorni Red/Edizioni 1993.
– Teoria e metodologia omeopatica in medicina veterinaria: Sergio Canello IPSA Editore 1995.
– Thérapeutique homéopatyhique vétérinaire: Marie-Noelle Issautieur-Henry Calvet Boiron Edition France 1987.
– Nuovi Orizzonti in medicina, la teoria dei biofotoni: Fritz Albert Popp IPSA Editore 1984.
– Fitogemmoterapia nella pratica clinica: Bruno Brigo Edizioni Boiron 1988
– Le medicine naturali: Bruno Brigo cd multimediale VERSIONE NATURA MEDICATRIX  Edizione Tecniche Nuove 1998.
– Medicina Nnaturale 11 approcci terapeutici… versione cd rom Edizione Tecniche Nuove 1999.
– Omeoptaia Veterinaria: Franco del Francia edizione red 1988.
– Omeoptaia in agricoltura: Luca Speciali Editore Clesav Ricerche 1987.
– Erbe medicinali e alimentazione naturale per cani e gatti: Osvalda Oasi Bertolini, Anna Vigoni Marciani Edizioni Tecniche Nuove 1993.
– Cronobiologia Cinese: Gabriel Flaubert,Pierre Crepon Edizioni Red  2000.
– Oligoterapia: Dimitri Mitropulos  Edizioni Editorium 1994.
– Atlante di agopuntura Veterinaria: Luciano Roccia, Marzio Panichi Edizioni Minerva Medica 1978.
– Mesoterapia agopunturale veterinaria: Mario Aluigi Edizioni Luise’ 1987.
– Omeoptaia facile: John H.Clarke manuale pratico di prescrizione Edzione IPSA 1992.
– Fitoterapia Comparata: Comitato Editoriale Aboca Edizioni Aboca  1993.
– Corso di energetica dei sistemi viventi: Maurice Mussat (Volume 1-2-3) Editore CISU 1987.
– Guarire con l’omeopatia il gatto: K.Sheppard Editore DEL RICCIO 1983.
– Guarire con l’omeopatia il cane K.Sheppard Editore DEL RICCIO 1987.
– Naturopatia: Fabio Ambrosi Edizioni GB 1999.
– Erbe per la salute dei piccoli animali: Max Rombi Editore Red 1989.
– Materia Medica Omeopatica: Henry Duprat Editore Fratelli Palombi 1984.
– Omotossicologia: Hans Heinrich Reckeweg Editore Guna  1988.
– Organon, dell’arte di guarire: C.F. Hahanemann  Editore Red 1985.
– Le malattie croniche: C.F.Hahanemann Editore Edium 1980.

Altro materiale è stato raccolto da comunicazioni scientifiche su riviste specializzate del settore e da appunti del sottoscritto, elaborati durante lezioni e convegni.
Sito Web Società Italiana Agopuntura Veterinaria www.siav-itvas.org

Francesco Vignoli, laureato in Medicina Veterinaria, è specializzato in medicina solistica, omeopatia veterinaria presso l’Istituto di Medicina Olistica  dell’Università degli Studi di Urbino. Curriculum vitae >>>

Download PDF