rivistadiagraria.org  
home info  
 


» Endo ed ectoparassiti di alcune specie animali in produzione zootecnica

Gli Endoparassiti sono parassiti che vivono all’interno del corpo in organi bersaglio, fegato, intestino, mammella, utero, sangue; talvolta, gli animali colpiti possono morire con notevole perdita economica da parte dell’allevatore. Sono essenzialmente: Fasciola epatica (Fasciola hepatica), Dicrocelio (Dicrocoelium lanceolatum – D. dendriticum), Coccidiosi (Eimeria zurni), Strongilosi gastrointestinale e Ipoderma o Tarolo (Hipoderma bovis De Geer)... Continua >>>

Giuseppe Accomando, laureato in Scienze agrarie presso l'Università Federico II di Napoli, è docente di zootecnica.


Segnala a un amico - Stampa articolo

» Un angelo messaggero dai boschi alla nostra cucina

L'Angelica (dal greco ἄγγελος , angelo, messaggero, corriere) deve probabilmente il suo nome al gradevole profumo emanato dalla pianta: nel medioevo questa pianta veniva chiamata “herba angelica” in quanto si credeva proteggesse dal diavolo ed avesse la capacità di curare da tutti mali. Le specie più interessanti sono fondamentalmente due: A. archangelica (A. officinalis) e A. sylvestris... Continua >>>

Ezio Casali, iscritto all'Albo Provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati di Cremona, insegna presso l'Istituto Tecnico Agrario Statale “Stanga” di Cremona. Si occupa di autocontrollo, soprattutto negli agriturismi, e di agricoltura multifunzionale.


Segnala a un amico - Stampa articolo

» Uso di dati telerilevati LiDAR e IKONOS per la caratterizzazione delle coperture forestali di Monte Morello

Il LiDAR (Light Detection and Ranging) è un sistema di telerilevamento attivo che permette il posizionamento e la rilevazione dell’altezza degli oggetti presenti sulla superficie terrestre; questo è possibile misurando il tempo di volo fra l’emissione dell’impulso e la ricezione del suo riflesso, conoscendo l’altezza del sensore. Generalmente il territorio viene misurato da un telemetro laser installato su un velivolo (in genere un aereo o un elicottero)... Continua >>>

Sintesi della Tesi di Laurea Magistrale:
Uso di dati telerilevati LiDAR e IKONOS per la caratterizzazione delle coperture forestali di Monte Morello
Candidato: Nicolò Camarretta 
 Relatore: Dr. Davide Travaglini
Correlatore: Prof. Enrico Marchi
Università degli Studi di Firenze - Scuola di Agraria
Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE E TECNOLOGIE DEI SISTEMI FORESTALI


Segnala a un amico - Stampa articolo

» Un saluto alle Lettrici ed ai Lettori 2015

Carissime Lettrici e carissimi Lettori,
sono passati ormai dieci anni da quando, nel giugno del 2005, uscì il numero 0 della nostra Rivista di Agraria.org. E da allora, ogni anno, all'inizio dell'estate, ci fermiamo un momento per fare un breve riassunto dell'attività svolta nei ultimi 12 mesi.

Continua la crescita degli utenti iscritti al forum (sono più di 30.000) ed il numero di visitatori che ogni giorno leggono gli interventi pubblicati nelle decine di sezioni.
Sono ormai più di cinquanta i bravissimi moderatori che ogni giorno mettono a disposizione degli amici del Forum le loro conoscenze nel settore agricolo e zootecnico. E’ grazie a loro se il nostro Forum è diventato un punto di riferimento in rete per tutti coloro che si occupano di agricoltura, sia a livello hobbistico che professionale. Un ringraziamento particolare ai moderatori che per impegni di lavoro e di famiglia hanno dovuto lasciare l’incarico... Continua >>>


Segnala a un amico - Stampa articolo

» Irrigare gli agrumi in vaso

Annaffiare un agrume è una pratica assai semplice, bastano una fonte e un recipiente per distribuirla; assai più complicato è capire quando c’è reale bisogno di farlo. Prima di descrivere le variabili che influiscono sulla frequenza irrigua da adottare, è necessario comprendere cosa succede quando si commettono errori di annaffiatura, soprattutto in eccesso... Continua >>>

Marco Beconcini, Dottore agronomo libero professionista, è consulente presso parchi storici privati e si occupa di progettazione del verde concentrando la propria attenzione sulle dinamiche che accompagnano una corretta gestione dei vegetali in tutti i suoi aspetti.


Segnala a un amico - Stampa articolo

» L’enigma del Lizard, il “Canarino Lucertola”

Questa razza particolarissima e molto comune, da anni sta facendo impazzire tutti gli studiosi che la conoscono: “origine ignota” e “comportamento genetico del disegno ignoto”, sono le uniche cose che sappiamo; Il Lizard viene classificato nel gruppo dei “canarini” soltanto con metodo di esclusione, poiché in tanti anni di teorie da parte degli ornitologici, nessuno è riuscito a classificarlo altrove.  il suo nome (che tradotto letteralmente dall’inglese significa “lucertola”) è dovuto al particolarissimo disegno a scaglie... Continua >>>

Federico Vinattieri è un appassionato allevatore di Canarini e di Mastini Napoletani (Allevamento di Fossombrone)


Segnala a un amico - Stampa articolo

» Le alici: dalla pesca alla colatura

L’acciuga o alice (Engraulis encrasicolus, LINNAEUS, 1758), è un pesce osseo marino appartenente alla famiglia Engraulidae, che vive in acque saline o salmastre ed è diffuso nell’Oceano Atlantico orientale nel mar Mediterraneo, nel Mar Nero e nel Mare di Azov. Si tratta di una specie pelagica dalle abitudini gregarie, che vive in grossi banchi e compie importanti migrazioni spingendosi in zone molto lontane dalla costa... Continua >>>

Lapo Nannucci ha conseguito la laurea magistrale in Scienze e Tecnologie agrarie Vecchio Ordinamento presso la Facoltà di Agraria di Firenze. Abilitato all’esercizio della libera professione di Dottore Agronomo, è consulente esterno presso Federpesca e fornisce consulenza tecnico-amministrativa ad allevamenti di trote in Toscana.


Segnala a un amico - Stampa articolo

» La certificazione del metodo biologico: l’apicoltura

L’attività apistica, di sicuro bene interpreta i principi dell’agricoltura biologica, a causa della indiscutibile valenza ambientale che la caratterizza. Sono ben note le funzioni svolte ai fini dell’impollinazione, sia per le aree naturali che per i sistemi produttivi, oltre che la validità come indicatore dello stato di benessere ambientale dell’area. La base normativa dell’attività apistica con metodo biologico è individuata nel Reg. (CE) N. 889/2008 e nel DM 18354 del 27/11/2009... Continua >>>

Donato Ferrucci, Dottore agronomo libero professionista, riveste attualmente l’incarico di Responsabile di Bioagricert Lazio e di Cultore della materia presso la cattedra di Gestione e Comunicazione d’Impresa” - Facoltà di Scienze della Comunicazione, Università degli Studi della Tuscia.


Segnala a un amico - Stampa articolo

» Gli incendi boschivi

Attualmente il fuoco costituisce la minaccia più seria per il patrimonio boschivo italiano, anche considerati i cambiamenti climatici in atto, con circa 9200 incendi all’anno ed una media di 100.000 ettari di territorio danneggiati o distrutti, di cui circa la metà di aree boscate (Palmieri, 2012). L’aspetto distruttivo degli incendi boschivi provoca, anche indirettamente, danni di natura economica, ecologica e sociale, oltreché, nel lungo periodo, il pericolo di innesco di processi di degradazione del già di per se fragile ecosistema forestale... Continua >>>

Luca Poli, diplomato all'Istituto tecnico agrario, ha conseguito la laurea triennale in Scienze forestali ed ambientali e la laurea magistrale in Scienze e tecnologie dei sistemi forestali presso l’Università degli Studi di Firenze.



Segnala a un amico - Stampa articolo

» Il tartufo bianchetto nel Metapontino

Quando si pensa al tartufo, la mente dei più corre al tartufo bianco d’Alba piemontese o al tartufo nero umbro; nella peggiore delle ipotesi ci fermiamo ai gelati, trasposizioni dolci delle due principali tipologie di tartufo. Ironia a parte, ben pochi sanno che anche il territorio lucano vanta la presenza di una particolare specie di tartufo piuttosto pregiata: il Bianchetto (Tuber borchii Vittad.). Notizia, questa, che noi Lucani, nella maggior parte dei casi, ignoriamo... Continua >>>

Domenico Laviola, Dottore Agronomo libero professionista. Esplica la propria attività di consulenza nell’ambito della gestione ed amministrazione di aziende agricole, nella gestione del territorio.


Segnala a un amico - Stampa articolo

» Gli studenti del “De Sanctis” di Avellino tornano nel Mugello

Il tirocinio, svolto dal 15 aprile al 15 maggio 2015, ha avuto come meta, per la terza volta, la realtà zootecnica del Mugello, in particolare i comuni di Borgo San Lorenzo, Galliano, Scarperia e San Piero a Sieve (FI). L’esperienza è stata fatta presso le aziende Zootecniche Co-Mi, Valdastra, Ranch Ricavo, Marchi, Cooperativa “E. Sereni”. Gli alunni coinvolti provengono dalle classi IV sez. A, B, C e V sez. C e D dell’indirizzo agraria dell’ISIS “De Sanctis/ D’Agostino” di Avellino... Continua >>>

Giuseppe Accomando, laureato in Scienze agrarie presso l'Università Federico II di Napoli, è docente di zootecnica presso l'Istituto Tecnico Agrario "F. De Sanctis" di Avellino.


Segnala a un amico - Stampa articolo

Rivista di Agraria.org Benvenuto su
Rivista di agraria.org!

La Rivista, insieme al sito Agraria.org ed al Forum, sono stati realizzati con l’intento di divulgare conoscenze, esperienze e curiosità che riguardano, in senso lato, il mondo dell’agricoltura.
Articoli di elevato spessore scientifico, si affiancano ad altri di pura divulgazione. Autorità del mondo accademico, professionisti di comprovata esperienza, ma anche giovani tecnici firmano i pezzi proposti. Lo scopo è quello di stimolare l’interesse di chiunque voglia “perdere” qualche minuto del suo tempo navigando tra le nostre pagine.
Filiera Corta Professionisti

Home | Iscrizione newsletter | Info | www.agraria.org

© Copyright 2005-2010 - www.rivistadiagraria.org - Codice ISSN 1970-2639 - Webmaster: prof. Marco Salvaterra - Privacy