Ultimi articoli pubblicati

La gestione del rischio prezzo all’ Associazione Granaria di Milano

Forse, per gli agricoltori, l’Associazione Granaria di Milano non ha bisogno di presentazioni. Nata nel 1902, attualmente ubicata a Buccinasco ...

Read More

La scuola apre al mondo delle professioni

È con soddisfazione che l'anno scolastico appena concluso ha visto per la seconda volta consecutiva, tra i professionisti della città ...

Read More

Valutazioni sulle dinamiche di comportamento di Escherichia coli STEC nei formaggi d’alpeggio a base di latte crudo

“Il latte è il prodotto ottenuto dalla mungitura regolare, ininterrotta e completa della mammella di animali in buono stato di ...

Read More

Un saluto alle Lettrici ed ai Lettori 2017

E’ continuato il lavoro di aggiornamento e ampliamento del sito di www.agraria.org (stiamo lavorando alla realizzazione della versione per mobile); ...

Read More

Verso un'agricoltura sostenibile

Per rispondere alle esigenze di mercato, negli ultimi anni si è reso necessario migliorare la sostenibilità delle produzioni agrarie in ...

Read More

L’allevamento del Cefalo per la produzione di bottarga

Nell’ambito delle specie ittiche di allevamento di acqua salata, la maggior parte delle produzioni dell’area mediterranea è rappresentata dalla spigola ...

Read More

  • cinofilia allevamento cani Cinofilia & CinoFOLLIA: come è cambiato il nostro mondo cinofilo -

    Non esiste un metodo preciso per diventare un allevatore. Le capacità e la passione sono attributi innati, che sì, possono anche essere coltivati e fatti maturare, ma che se mancanti non potranno mai essere "impiantati" in un individuo. Un mio ex-professore di Zootecnia una volta mi disse: "essere portati per l'allevamento è paragonabile ad esser portati per suonare il violino... è un parallelismo perfetto"...

    Federico Vinattieri è un appassionato allevatore cinofilo, ornitofilo e avicoltore (titolare Allevamento di Fossombrone – www.difossombrone.it – http://lupi.difossombrone.it – http://ornitologia.difossombrone.it).

  • cippato legno energia scopo energetico Il legno a fini energetici -

    Una panoramica dei combustibili legnosi presenti sul mercato e delle loro caratteristiche, sapendo bene che il legno utilizzato per la produzione di energia generalmente è neutro nei confronti delle emissioni ambientali. Ovvero tanta CO2 emette quanta ne ha fissata la pianta, ma al netto dell’energia consumata per le utilizzazioni forestali e la produzione....

    Luca Poli, Dottore Forestale, svolge libera professione occupandosi di gestione del patrimonio boschivo ed ambientale e della valorizzazione del legno. E' inoltre vice-presidente dell'Associazione di Agraria.org.

  • derivati climatici agricoltura applicazioni I derivati climatici e la loro possibile applicazione in agricoltura -

    Cosa sono i derivati climatici? Probabilmente il termine suona poco familiare a chi si occupa di agricoltura e non è ferrato in questioni finanziarie: i derivati climatici sono contratti finanziari (come le opzioni e i futures), ma con caratteristiche che li fanno assomigliare a un’assicurazione...

    Diego Terranova, docente di matematica e fisica in un liceo di Lodi, ha svolto consulenze di statistica e matematica applicata per aziende ed enti pubblici, ed ha usufruito di vari anni di congedo retribuito dall’insegnamento per svolgere attività di ricerca in varie università italiane. Da qualche anno studia i derivati climatici, sui quali ha presentato una relazione, nel 2015, al congresso IARFIC (International Agricultural Risk, Finance, and Insurance Conference) di Washington.

  • gestione nutritiva allevamento Gestione nutritiva e tipo genetico, una scelta di vitale importanza -

    Escluse quelle realtà di ingrasso industrializzate, che hanno poco da spartire con il territorio e che sono del tutto sovrapponibili per gestione, fatturati, approvvigionamenti e posizionamento sul mercato alle realtà del Nord Italia, ho potuto constatare l’effettiva presenza di una miriade di piccole e piccolissime imprese di ingrasso sparse sul tutto il territorio meridionale. Campania, Basilicata e Calabria in primi...

    Giovanni Canu, laureato in Scienze della Produzione Animale presso Università degli studi “Federico II” di Napoli, è iscritto all’albo dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Salerno. Dal 2004 è consulente in nutrizione animale per allevamenti intensivi sia in Italia che all’estero.

  • salvaguardia patrimonio arboreo firenze alberi città verde urbano Salvaguardia del patrimonio arboreo a Firenze -

    Molte aree del territorio fiorentino sono state riconquistate da vegetazione spontanea, in pianura con prevalenza di pioppi bianco e nero, salice bianco e salicone, e si è accresciuta la dotazione arborea delle colture agrarie pregresse, abbandonate, con prevalenza di olmo e acero campestri e di specie/cultivar diverse del genere Prunus. si insediano dunque habitat naturali riconducibili al tipo H027 del Repertorio Naturalistico Toscano...

    Paolo Degli Antoni: Laurea in Scienze Forestali, conseguita presso la facoltà di Agraria dell’Università di Firenze. Abilitazione all’esercizio della professione di Agronomo-Forestale. Già funzionario C.F.S. e collaboratore della Regione Toscana, è socio corrispondente dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali, scrive contributi scientifici di ecologia del paesaggio, biodiversità, storia, arte e antropologia del bosco. Suo oggetto privilegiato di ricerca è la rinaturalizzazione spontanea dei terreni abbandonati, in campagna e in città.

  • abbattimento alberi firenze piante taglio autorizzazione comune privato giardino Procedura per la richiesta di autorizzazione all’abbattimento di una pianta privata. Il caso di Firenze -

    Quando si parla di procedura per la richiesta di autorizzazione di abbattimento di alberature private risulta difficile generalizzare, la materia è normata da regolamenti comunali che variano da comune a comune. In alcuni comuni non è richiesta affatto una autorizzazione per l’abbattimento, in altri è sufficiente una comunicazione, mentre in altri ancora sono necessari permessi rilasciati dall’ufficio competente per il verde urbano...

    Marco Giuseppi, diplomato all’Istituto tecnico agrario, ha conseguito la laurea magistrale in Scienze e tecnologie dei sistemi forestali presso l’Università degli studi di Firenze. Iscritto all'Ordine dei Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Firenze, svolge libera professione nel campo dell'arboricoltura urbana e della gestione forestale.

  • diritto alimentare certificazione manuale qualità I sistemi di certificazione ed i principi del diritto alimentare -

    Nell’affrontare i temi della certificazione e della valorizzazione dei prodotti alimentari si parla spesso di caratteristiche distintive, i cosiddetti requisiti di qualità. Il governo ed i principi fondanti del diritto alimentare sono espressi dal Reg. (CE) 178/2002, base giuridica e fonte di innovazione, che delinea il passaggio da regole di dettaglio a principi di sistema...

    Donato Ferrucci, Dottore agronomo libero professionista, riveste attualmente l’incarico di Responsabile di Bioagricert Lazio e di Cultore della materia presso la cattedra di Gestione e Comunicazione d’Impresa” – Facoltà di Scienze della Comunicazione, Università degli Studi della Tuscia.

  • vino danimarca esportazione Il vino italiano ed il mercato danese -

    La Danimarca è un paese molto interessante per chi decide di esportare i propri prodotti ma occorre partire informati in merito alla loro cultura e alle loro usanze e tradizioni poiché infatti questi sono geograficamente vicini a noi ma culturalmente molto lontani...

    Vittoria Capei Chiaromanni, dottoressa triennale in “Comunicazione, media e giornalismo” e dottoressa magistrale in “Strategie della comunicazione pubblica e politica” presso l’Università degli studi di Firenze. Specializzata in “Marketing, comunicazione e pubblicità” presso l’Istituto Europeo di Design – Roma, ha svolto sul settore del vino la propria tesi di laurea dal titolo: “Il vino toscano tra tradizione e innovazione. Il ruolo dell’azienda Marchesi Antinori”.

  • cane standard razza Lo Standard, questo sconosciuto… -

    Ogni selezione si basa su una traccia, su un riferimento, su degli specifici elementi descritti nel famoso "Standard", ossia una descrizione accurata delle varie peculiarità che un soggetto deve possedere per essere definito "tipico" e appartenente a quella determinata razza...

    Federico Vinattieri è un appassionato allevatore cinofilo, ornitofilo e avicoltore (titolare Allevamento di Fossombrone – www.difossombrone.it – http://lupi.difossombrone.it – http://ornitologia.difossombrone.it.)

  • tarassaco fiore uso medicina cucina Il Tarassaco, da una pianta spontanea mille e mille usi -

    Una delle piante più note e conosciute anche a chi ha scarsa esperienza in quel particolare settore della botanica che è l'utilizzo gastronomico delle piante spontanee è il tarassaco (Taraxacum officinale), molto comune e conosciuto con diverse denominazioni quali dente di leone, dente di cane, soffione, cicoria selvatica...

    Ezio Casali, iscritto all’Albo Provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici laureati di Cremona, insegna presso l’Istituto Tecnico Agrario Statale “Stanga” di Cremona. Si occupa di autocontrollo, soprattutto negli agriturismi, e di agricoltura multifunzionale.

  • cane lupo saarloos nero colore mantello Il Cane Lupo di Saarloos NERO: nessun mistero, solo genetica! -

    Il caso del Cane Lupo di Saarloos di colore NERO. Nessun enigma si cela dietro questo colore, nessuno strano incrocio, nessuna linea di sangue deleteria, nessun mistero da risolvere. Basta prendere in mano un qualunque trattato di genetica applicabile al cane, leggerlo, e l'arcano sarà svelato...

    Federico Vinattieri è un appassionato allevatore cinofilo, ornitofilo e avicoltore (titolare Allevamento di Fossombrone – www.difossombrone.it – http://lupi.difossombrone.it – http://ornitologia.difossombrone.it.)

  • riccio di mare Paracentrotus lividus L’allevamento del riccio di mare Paracentrotus lividus (Lamarck, 1816), un’importante prospettiva per l’acquacoltura -

    Il riccio di mare edule è un Echinoderma (dal greco echinos- spinoso, e -derma pelle) della classe Echinoidea, diffuso in tutto il Mar Mediterraneo; generalmente vive in acque superficiali fino a 10-20 m di profondità, ma talvolta si possono incontrare individui isolati anche a profondità di circa 80 m. In alcune aree costiere italiane il consumo alimentare delle gonadi di P. lividus rende questa specie molto importante da un punto di vista economico...

    Gianni Brundu è laureato in biologia marina all'Università degli Studi di Cagliari e dottorando (discute la tesi il 30 maggio) presso l'Università della Tuscia di Viterbo in Ecologia e Gestione Sostenibile delle Risorse Ambientali. Titolo della tesi "The role of sea urchin Paracentrotus lividus (Lamarck, 1816) in an environmentally sustainable rearing system, IMTA". Lapo Nannucci ha conseguito la laurea magistrale in Scienze e Tecnologie agrarie Vecchio Ordinamento presso la Facoltà di Agraria di Firenze. Abilitato all’esercizio della libera professione di Dottore Agronomo, è consulente esterno presso Federpesca e fornisce consulenza tecnico-amministrativa ad allevamenti di trote in Toscana.