Ultimi articoli pubblicati

Basso Reno, esperienze di allevamento

Quando si parla di Basso Reno, siamo all'interno dell'elenco delle razze "poco rappresentate" in Italia. Questa infatti, è una razza ...

Read More

Utilizzo del legno in enologia – Seconda parte

Seconda parte del trattato sul legno in enologia... Gennaro Pisciotta, laureato in Scienze e Tecnologie agrarie all’Università G. Marconi – Facoltà ...

Read More

Biologico vs convenzionale: differenze in termini di sostenibilità e profilo chimico degli alimenti (terza parte)

Terza ed ultima parte del confronto sulla composizione chimica tra alimenti biologici e convenzionali: il caso dei formaggi... Nicolò Gallo Curcio ...

Read More

Biostimolanti per un’orticoltura sostenibile

I biostimolanti possono contribuire alla realizzazione di un modello di intensificazione sostenibile della produzione vegetale che a livello mondiale la ...

Read More

La certificazione forestale PEFC e FSC

La certificazione indipendente della gestione forestale e della rintracciabilità dei prodotti legnosi, come sono quelle definite da FSC e PEFC, ...

Read More

Il Morbo di Aujeszky: un pericolo per il cane!

Qualora un cane manifestasse i segni clinici della malattia di Aujeszky, anche magari a seguito di un incontro fortuito con ...

Read More

  • legno enologia botte utilizzo Utilizzo del legno in enologia – Prima parte -

    Obiettivo specifico del presente articolo è occuparsi dell’impiego del legno in enologia, introducendo il lettore in un mondo con una lunga storia alle spalle ed in continua evoluzione, fino a giungere ai giorni nostri all’impiego del “legno nel vino”, visto che attualmente il costo di botti e barriques aumenta considerevolmente il prezzo dei vini...

    Gennaro Pisciotta, laureato in Scienze e Tecnologie agrarie all’Università G. Marconi – Facoltà di Scienze e Tecnologie Applicate di Roma, è Agrotecnico Laureato ed Enologo Enotecnico libero professionista Maestro Assaggiatore ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggio). Ha insegnato presso l’ISIS “Falcone” di Pozzuoli (Napoli) fino al 26/09/2018.

  • coltivazione cardoncello plerotus fungo funghi Parametri per il substrato del Pleurotus eryngii -

    Il Pleurotus eryngii è un fungo che appartiene all'ordine Agaricales ed alla famiglia Pleurotaceae. E' quel meraviglioso e pregiato fungo che cresce nel bacino del Mediterraneo, apprezzato in tutti i paesi che vi si affacciano e non solo. È una specie che cresce sui residui morti di diverse piante spontanee ombrellifere e, in forma parassitaria pure, sull'apparato radicale di alcune di esse...

    Lenaz Raoul, esce dall'Istituto "Cerletti" di Conegliano come Enologo e come tale ha operato per diversi anni nel settore enologico. Agli inizi degli anni 1970 viene introdotto nel mondo della fungicoltura operando come tecnico di laboratorio e di Platea nell' Agrifung, la più grande azienda italiana che preparava substrato incubato per la coltivazione del prataiolo e quello solo seminato per i Pleurotus. Suo compito era anche quello di visitare le fungaie a livello nazionale. In seguito negli anni, ha operato come ricercatore indipendente, costruendosi un impianto pilota adatto per la ricerca di substrati e procedimenti di pastorizzazione innovativi. Per circa 30 anni, si è dedicato a preparare e mettere a punto un substrato solo pastorizzato in massa, per la coltivazione dell'Eryngii e del Pioppino, oltre chiaramente, per i Pleurotus. È pure detentore di un brevetto per un substrato innovativo adatto alla coltivazione di più specie di funghi. Negli ultimi sei anni si è dedicato alla preparazione di substrati per il Cardoncello ed ai procedimenti di semisterilizzazione più appropriati cui sottoporli.

  • biologico convezionale carne agricoltura pesticidi Biologico vs convenzionale: differenze in termini di sostenibilità e profilo chimico degli alimenti (seconda parte) -

    Seconda parte del confronto sulla composizione chimica tra alimenti biologici e convenzionali: il caso della carne...

    Nicolò Gallo Curcio (Roma), Laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive e Magistrale in Scienze della Nutrizione Umana. Libero professionista.

  • Poligono del Giappone, una pianta alloctona molto invasiva -

    La diffusione incontrollata di specie vegetali alloctone, introdotte volontariamente o accidentalmente al di fuori del loro areale di origine, può costituire una minaccia alla conservazione della biodiversità su scala globale. È questo il caso del Poligono del Giappone (Reynoutria japonica Houtt.)...

    Marco Salvaterra, laureato in Scienze agrarie presso la Facoltà di Agraria di Bologna, insegna Estimo ed Economia agraria all’Istituto Tecnico Agrario di Firenze.

  • Il vino in lattina: una realtà -

    Il vino in lattina è un prodotto che per molti wine lovers italiani è ancora difficile da accettare ma che sta prendendo sempre più piede sul mercato mondiale...

    Vittoria Capei Chiaromanni, dottoressa triennale in “Comunicazione, media e giornalismo” e dottoressa magistrale in “Strategie della comunicazione pubblica e politica” presso l’Università degli studi di Firenze. Specializzata in “Marketing, comunicazione e pubblicità” presso l’Istituto Europeo di Design – Roma, ha svolto sul settore del vino la propria tesi di laurea dal titolo: “Il vino toscano tra tradizione e innovazione. Il ruolo dell’azienda Marchesi Antinori”.

  • biologico convenzionale differenze Biologico vs convenzionale: differenze in termini di sostenibilità e profilo chimico degli alimenti (prima parte) -

    Prima parte del confronto sulla composizione chimica tra vegetali biologici e convenzionali...

    Nicolò Gallo Curcio (Roma), Laureato in Scienze delle Attività Motorie e Sportive e Magistrale in Scienze della Nutrizione Umana. Libero professionista.

  • tracciabilità filiera agroalimentare Quando la qualità incontra la tracciabilità -

    La tracciabilità è un argomento di interesse strategico per il settore agroalimentare, chiamata spesso a rappresentare esigenze tecniche di diversa natura. E’ però necessario inquadrare la tematica in termini legislativi e funzionali...

    Donato Ferrucci, Dottore agronomo libero professionista, riveste attualmente l’incarico di Responsabile di Bioagricert Lazio e di Cultore della materia presso la cattedra di Gestione e Comunicazione d’Impresa” – Facoltà di Scienze della Comunicazione, Università degli Studi della Tuscia.

  • Viticoltura e cambiamenti climatici -

    I fenomeni climatologi su vaste aree territoriali hanno determinati i comportamenti evidenziati, ma riducendo la scala di grandezza, fino al alla dimensione della singola azienda viticola, si evidenziano scostamenti notevoli, necessita che il viticoltore per comprendere come evolve l’andamento correlato delle temperature, delle radiazioni solari e delle precipitazioni meteoriche, deve monitorarle...

    Gennaro Pisciotta, laureato in Scienze e Tecnologie agrarie all’Università G. Marconi – Facoltà di Scienze e Tecnologie Applicate di Roma, è Agrotecnico ed Enologo libero professionista Maestro Assaggiatore ONAF (Organizzazione Nazionale Assaggiatori Formaggio). Ha insegnato presso l’ISIS “Falcone” di Pozzuoli (Napoli) fino al 26/09/2018.

  • Aspetti agrari e vegetazionali di pregio nel Parco della Piana - Città metropolitana di Firenze Aspetti agrari e vegetazionali di pregio nel Parco della Piana – Città metropolitana di Firenze -

    Del parco periurbano della piana Firenze-Prato si discute da tanti anni, ma esso non è ancora ultimativamente definito, soprattutto a causa di un'opera infrastrutturale che, se approvata e realizzata, ricadrebbe al suo interno, snaturandolo. Il suo territorio è costituito dall’insieme di aree ancora agricole o destinate a verde e a interventi di compensazione ambientale...

    Paolo Degli Antoni: Laurea in Scienze Forestali, conseguita presso la facoltà di Agraria dell’Università di Firenze. Abilitazione all’esercizio della professione di Agronomo-Forestale. Già funzionario C.F.S. e collaboratore della Regione Toscana, è socio corrispondente dell’Accademia Italiana di Scienze Forestali, scrive contributi scientifici di ecologia del paesaggio, biodiversità, storia, arte e antropologia del bosco. Suo oggetto privilegiato di ricerca è la rinaturalizzazione spontanea dei terreni abbandonati, in campagna e in città.

  • qualità agroalimentare prodotto Qualità è percezione. Il prodotto agroalimentare e il suo racconto. -

    In questo articolo si argomenterà come in una prospettiva di marketing il concetto di qualità assuma un significato profondamente diverso da quello strettamente normativo...

    Silvio Franco, Professore associato in Economia Agraria, è docente di Marketing e di Mercati Agroalimentari presso l'Università della Tuscia"

  • irrigazione coltivazioni gocciolatore autocompensante Utilizzo dei gocciolatori autocompensanti in agricoltura -

    L’irrigazione a goccia si è fatta spazio ed è diventata ad oggi il sistema di irrigazione più utilizzato per le colture intensive pur avendo possibilità di applicazione per altri tipi di sistemi. La conoscenza dei materiali, del dimensionamento idraulico di un impianto, delle esigenze idriche delle colture sono requisiti indispensabili...

    Andrea Palazzo, laureato in Scienze Agrarie nel 1998 presso la Facoltà di Agraria di Palermo, è docente di Economia ed Estimo e Genio rurale presso l'Istituto Agrario "Parolini" di Bassano del Grappa (Vicenza) con esperienza nel campo delle valutazioni immobiliari e nella progettazione e consulenza di impianti di irrigazione.

  • Esternalità positive e turismo -

    L'equilibrio nel paesaggio determina la disponibilità di un’”esternalità positiva”, che può essere monetizzata con la fruizione del contesto, ovvero con il turismo, nelle sue varie declinazioni....

    Franco Paolinelli è laureato in Scienze forestali presso la facoltà di Agraria di Firenze. Si occupa di verde urbano, con particolare attenzione a due temi: alberi in città ed agricoltura urbana, argomenti che ha approfondito con un Master nell’1984 presso la Faculty of Forestry di Toronto ed un altro, nel 2006, presso la Facoltà di Scienze Agrarie nell’Ateneo della Tuscia. Ha avviato, e dirige, la rete di operatori S.A.P. (Silvicultura Agrocultura Paesaggio) e il progetto “Valorizzazione del Legno degli Alberi di Città”.