Gli alunni dell’Istituto Tecnico Agrario “F. De Sanctis” di Avellino nel Mugello per un modo nuovo di fare zootecnica


(PON Obiettivo C – Azione 5 – Progetto C5 FSE – 2009 – 4 – Direttore di aziende zootecniche)

Il tirocinio, svolto dal 8 al 25 marzo c.a., ha avuto come meta la realtà zootecnica del Mugello (FI), in particolare i comuni di Borgo San Lorenzo, San Piero a Sieve e Dicomano. L’esperienza è stata straordinaria, non solo scolasticamente ma, soprattutto, umana, il merito va in primis al prof. Mario Giannone dell’Istituto Tecnico Agrario di Firenze, per aver messo a disposizione quattro realtà agronomico – zootecniche di singolare importanza, in secundis agli alunni delle classi terminali delle sez. B e C del Tecnico Agrario “F. De Sanctis” di Avellino, per la serietà, l’impegno, la partecipazione attiva e per le competenze mostrate in campo.


Gli alunni e le esperienze del tirocinio

Gli alunni impegnati nello stage, sono stati sedici; dieci, del corso agro territoriale e sei del corso agro ambientale; 11 maschi e 5 femmine, come nell’elenco riportato: Cafasso Adriano, Cucciniello Gerardo, De Guglielmo Attilio, Dente Carmine, Egidio Evarista, Gaudioso Andrea, Iannaccone Antonio, Ieppariello Valentina, Lettieri Luca, Liguori Giuseppe, Limone Antonio, Nardiello Mara, Pescione Anna, Picariello Luca, Polcaro Edy Giovanna, Tedesco Anna.
Delle quattro aziende, oggetto dello stage, due seguono il metodo biologico che prevede il divieto dell’utilizzo di concimi minerali e antiparassitari di sintesi, l’obbligo di rotazioni agrarie, l’assenza di ogm nelle razioni alimentari e il divieto, quasi assoluto, di prodotti allopatici, ma solo l’impiego di prodotti omeopatici e fitoterapici. Le aziende ospitanti, due: Coop. Agr. “Emilio Sereni”, e “Fattoria in Valdastra” di Adriano e Umberto Borgioli, sono ubicate nel comune di Borgo San Lorenzo, l’azienda “Lippi & Nocentini “ è sita nel comune di Dicomano, la “Comi Agricoltura” si trova nel comune di San Piero a Sieve.
L’azienda “Coop Agr. E. Sereni” (Borgo San Lorenzo) alleva bovine Blap di razza Frisona italiana, in selezione, l’azienda si estende su di una superficie di circa 490 Ha, in parte a bosco e in parte, circa 200 Ha, a colture foraggere, il numero dei capi presenti è di circa 330, di cui vacche in lattazione 145, la produzione media aziendale individuale giornaliera è di 32 litri, il sistema di allevamento è quello stallino libero con paddock esterni per la ginnastica funzionale e aree a pascolo, il sistema adoperato è quello biologico.
L’azienda “Comi agricoltura”, ubicata nel comune di San Piero a Sieve, estesa 280 Ha, alleva, col sistema convenzionale, bovine di razza Frisona italiana Blap, il numero di capi è di circa 650, di cui in lattazione 330, la produzione di latte media stalla capo è di 32 litri, per un quantitativo di latte di 100- 110 quintali al dì, il sistema di allevamento è libero all’aperto.
Due aziende allevano bovini da carne in selezione di razza Limousine, una possiede anche circa 25 capi di razza Chianina, cavalli TPR e un nucleo di pecore Suffolk. L’azienda “Lippi & Nocentini”, sita nel comune di Dicomano, si estende su di una superficie di 400 Ha in parte a seminativi e in parte a pascoli, l’allevamento segue la linea vacca/vitello, si allevano bovini riproduttori selezionati di razza Limousine, e soggetti da ingrasso, i capi allevati sono 600 di cui 200 fattrici e 9 tori. La fecondazione è naturale, ponendo il toro nel box manze e vacche, non si fa ricorso alla inseminazione strumentale se non in rarissimi casi, qui si fa alta genealogia, essendo la maggior parte dei capi iscritti al L. G. (il dott. Nocentini è il presidente dell’ANACLI.


Le aziende zootecniche del Mugello visitate

L’azienda “ Valdastra” di Adriano e Umberto Borgioli è situata nel comune di Borgo San Lorenzo, alleva, col metodo biologico, linea vacca/vitello, bovini di razza Limousine italiana e un modesto numero di capi Chianini e pecore Suffolk, si estende su di una superficie di 500 Ha, in parte a seminativi, in parte a bosco e pascoli, i capi presenti sono 350, quasi tutti iscritti al libro genealogico, si alleva in purezza con fecondazione naturale.
Gli alunni, suddivisi in quattro gruppi, nel corso dello stage, sono stati coadiuvati dal sottoscritto, in qualità di tutor scolastico, dal prof. Mario Giannone, tutor per l’orientamento, e dai seguenti tutor aziendali: dott. Massimo Casini presidente della “Coop Agr. Emilio Sereni”, sig. Gabriel Arias della “ Comi Agricoltura”, dott. Roberto Nocentini della “ Lippi & Nocentini”, presidente nazionale della ANACLI, p.a. sig.ra Stefania Rimini, responsabile della “Fattoria in Valdastra”.
Ciascun gruppo, a rotazione, ha operato in tutte le singole realtà aziendali prendendo parte attivamente alla quotidianità lavorativa, passando dai lavori manuali di pulizia dei box, alla inseminazione strumentale, hanno assistito ai parti e prestato le prime cure al vitello ed alla puerpera, registrato le nascite, sia sul registro che sul computer aziendali, curato i capi affetti da mastite, da influenza e colibacillosi, hanno assistito all’operazione del secondamento, alla cura degli unghioni, hanno partecipato alla mungitura meccanica, hanno eseguito le vaccinazioni, i prelievi ematici con i veterinari dell’asl di Firenze per le analisi di routine per l’eradicazione della tubercolosi, brucellosi, afta epizootica, leucosi enzootica, etc. Hanno acquisito la capacità di formulare razioni alimentari per vacche in lattazione, per quelle in asciutta, per le manze e per i vitelli, hanno formulato le razioni per l’ingrasso, hanno partecipato al trasloco dei capi da settori a settori della stalla, al carico del bestiame da mandare al pascolo, alla selezione dei capi in base alla morfologia.
Hanno imparato a capire le femmine in calore attraverso l’osservazione delle stesse, e attraverso l’impiego dei podometri, hanno compreso le diverse gestioni aziendali e formulato proposte per migliorarne il funzionamento. Hanno curato le bovine in chetosi, eseguito la decorazione con idrossido di sodio e l’applicazione della marca auricolare, ai vitelli, nonché la denuncia dei nati e dei morti alle autorità competenti.
Durante lo stage hanno preso parte ad una interessante lezione tenuta dal prof. Martini della Facoltà di Scienze Agrarie dell’Università di Firenze, specializzato nell’allevamento biologico degli animali in produzione zootecnica, organizzata dall’Apa di Firenze e Prato, sulla possibilità di ingrassare i vitelli maschi di razza Frisona col metodo biologico. Hanno visitato l’azienda biologica “Tenuta di Paganico” (GR) estesa 1500 Ha che alleva, col sistema semibrado, bovini di razza Maremmana, Limousine e Chianine, nonché suini di razza Cinta Senese, e cavalli di razza Maremmana, hanno visitato il parco Regionale della Maremma, dove, sempre col sistema semibrado, sono allevati bovini ed equini di razza Maremmana. Hanno partecipato, ospiti dell’azienda Lippi & Nocentini, al convegno sulla qualità della carne, relazione del dott. Pini della Progeo, esperto in alimentazione degli animali in produzione zootecnica.


Alcune immagini dell'incontro zootecnico mugellano


Hanno visitato l’azienda dei fratelli Marchi (Firenzuola) che alleva bovine di razza Bruna Italiana di alta genealogia, ove si pratica la superovulazione, la sincronizzazione dei calori e l’embryo transfer. Si fa notare che molti vitelli nati in questa azienda sono razzatori impiegati nella inseminazione strumentale non solo in Italia ma anche all’estero, (nell’allevamento è presente una bovina di tredici anni campionessa europea della categoria). Tutto ciò è stato possibile grazie alla ospitalità, la disponibilità, le competenze, la pazienza dei proprietari delle aziende e dei loro staff, è doveroso ringraziare, anche a nome degli alunni partecipanti e del dirigente scolastico prof. Michele De Simone, le sig. re Barbara e Marcella Conti della “Comi Agricoltura”, il dott. Borgioli della “Fattoria in Valdastra”, i sigg, Lippi e Nocentini dell’omonima azienda, il dott. Massimo Casini della “Cooperativa agricola Emilio Sereni”, i tutor aziendali: Gabriel Arias, Stefania Rimini, Roberto Nocentini e Massimo Casini, per la bravura mostrata durante le esercitazioni.
Un sincero e affettuoso grazie al dott. Francesco Sodi dottorando in scienze zootecniche presso l’Università di Firenze, collaboratore di “Agraria.org”, per la lezione sull’allevamento della razza Cinta Senese, al dott. Jacopo Goracci, direttore tecnico della “Tenuta di Paganico” (GR), collaboratore di Agraria.org, per l’ospitalità e per la lezione sull’allevamento biologico delle razze bovine: Maremmana, Limousine, Chianina e sulla razza suina Cinta Senese, al prof. Marco Salvaterra, inventore, anima di “Agraria.org”, il sito web di agricoltura, più visitato, seguito, letto e studiato dagli allevatori, studenti, professionisti, semplici appassionati e non solo, grazie per i consigli dati agli stagisti, e allo scrivente. Un particolare riconoscimento va al fenomenale prof. Mario Giannone, non solo per la competenza, ma, soprattutto, per l’immensa umanità nel trattare gli allievi, grazie al nostro dirigente scolastico prof. Michele De Simone che ha voluto che tutto questo potesse accadere, permettendoci di vivere un’esperienza unica ed un modo nuovo di apprendere i saperi.

Giuseppe Accomando, laureato in Scienze agrarie presso l’Università Federico II di Napoli, è docente di zootecnica presso l’Istituto Tecnico Agrario “F. De Sanctis” di Avellino. Curriculum vitae >>>






Itinerari per scoprire i tesori golosi italiani
Cibovagando
Gli itinerari per scoprire i tesori golosi italiani
Davide Paolini – Edagricole – giugno 2005

Dal prodotto al territorio: una guida che porterà il lettore alla scoperta di giacimenti attraenti di cui la gente va sempre più alla ricerca, organizzando i veri e propri week end del ‘mangiarbene’…
Acquista online >>>

Download PDF