Condividi l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Premessa

L’Istituto tecnico “Garibaldi-Da Vinci”, così denominato dal 1° settembre 2014, nasce dalla fusione dell’Istituto tecnico agrario “Giuseppe Garibaldi” e dell’Istituto tecnico per geometri “Leonardo Da Vinci”. Per agevolare la frequenza scolastica degli alunni provenienti da città lontane, l’istituto dispone di un convitto di 100 posti letto.
Dal 2019 Dirigente Scolastica è la prof.ssa Luciana Cino.

Luciana Cino
La Dirigente Scolastica prof.ssa Luciana Cino

Storia dell’Istituto

L’ex Istituto agrario nacque nel luglio 1882, come “Regia Scuola di Agricoltura” intitolata all’agronomo reggiano Filippo Re, nel medesimo sito in cui si trova oggi, nella immediata periferia della città di Cesena. L’Istituto dispone di una Azienda Agraria e di un Convitto. Sono in corso lavori di ristrutturazione e la costruzione di un nuovo edificio all’interno dell’area di pertinenza, interventi divenuti necessari in risposta alle nuove esigenze di una popolazione scolastica che negli ultimi anni ha evidenziato una crescita significativa. Il territorio ha un tessuto economico che, anche storicamente, è in linea con l’indirizzo di studio dell’Istituto. L’attività agricola e agroindustriale romagnola è tra le più progredite d’Italia ed è caratterizzata da una grande varietà di prodotti.  Questo primato è dovuto alla favorevole posizione geografica e climatica, ma anche all’impiego di tecniche avanzate e all’organizzazione di vendita dei prodotti stessi. Inoltre, La forte vocazione turistica del territorio si coniuga con lo studio delle tipicità agricole e gastronomiche e con la tutela e la salvaguardia del paesaggio. E’ presente un forte movimento cooperativo disponibile ad interagire con la scuola. I legami con il territorio, Enti locali, Istituzioni, associazioni professionali ed imprese sono consolidati e sono numerosi i progetti condivisi. Sono attive le collaborazioni con le principali aziende del territorio, i Collegi professionali e le cooperative con le quali si sono attivati percorsi di istruzione o formazione tecnica post diploma.

Istituto Agrario di Cesena

Offerta formativa

Attualmente l’Istituto consta di 45 classi (35 per l’indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria; 10 per l’indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio) per un totale di 1019 studenti.
L’offerta formativa dell’indirizzo Agraria, Agroalimentare e Agroindustria presenta tre articolazioni:

  • Produzioni e Trasformazioni”, per l’approfondimento delle problematiche collegate all’organizzazione delle produzioni animali e vegetali, alle trasformazioni e alla commercializzazione dei relativi prodotti, all’utilizzazione delle biotecnologie;
  • Gestione dell’ambiente e del territorio”, per l’approfondimento delle problematiche della conservazione e tutela del patrimonio ambientale e le tematiche collegate alle operazioni di estimo e al genio rurale;
  • Viticoltura ed enologia”, per l’approfondimento delle problematiche collegate all’organizzazione specifica delle produzioni vitivinicole, alle trasformazioni e commercializzazione dei relativi prodotti, all’utilizzazione delle biotecnologie.

Attraverso i Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (PCTO) il nostro Istituto ha sviluppato una fitta rete di collaborazione con le aziende del territorio per realizzare percorsi formativi efficaci, orientati a integrare i nuclei fondamentali degli insegnamenti, con lo sviluppo di competenze trasversali quali quelle digitali, green, tecnologiche e soft skill, potenziando gli apprendimenti in contesti formali, informali e non formali. I percorsi si svolgono durante tutto l’arco dell’anno, in parte anche in periodi di sospensione delle attività didattiche poiché le strutture ospitanti sono caratterizzate da attività stagionali. Tutte le classi del triennio, a rotazione, sono impegnate in esercitazioni didattiche nell’Azienda agraria annessa all’Istituto.

Azienda agraria dell’Istituto

L’Azienda nasce contestualmente all’Istituto, nel 1882. A quel tempo la scuola aveva in dotazione un solo podere, nominato Campolatorre, su cui sorgevano i locali della scuola, i laboratori e l’azienda agraria. Con il susseguirsi dei decenni l’Istituto ha ottenuto sempre più consensi, accompagnati da una costante crescita nel numero di alunni iscritti. L’ampliamento degli spazi è quindi stato una conseguenza naturale, tanto da portare ad oggi la presenza di 4 diversi poderi, tutti ubicati nel territorio cesenate.
I poderi collinari presentano le condizioni ideali per lo sviluppo ed il mantenimento di vite ed ulivo, mentre quelli situati in pianura sono destinati alla coltivazione di orticole e di specie arboree (pesco, albicocco, ciliegio, actinidia, melo e pero in particolare). L’orto è invece uno spazio dedicato agli ortaggi tipici del nostro territorio nel quale promuoviamo e valorizziamo prodotti locali, rispettandone i cicli stagionali. Inoltre, è presente un orto botanico dove sono coltivate piante aromatiche ed officinali. Il punto vendita apre i battenti nel 2008 ed al momento è collocato nella casa colonica di pertinenza dell’azienda, area recuperata nel 2020 ed un tempo adibita a stalla per il bestiame. Nel punto vendita ogni giorno sono in offerta prodotti frutticoli ed orticoli freschi a Km 0 e prodotti trasformati come confetture, pesti, succhi di frutta, miele, vino e molto altro.

Prodotti dell'azienda dell'Istituto

Esercitazioni
Esercitazioni nell’azienda agraria

I ragazzi durante le esercitazioni
Esercitazioni nell’azienda agraria

L’Istituto dispone anche di un importante Roseto didattico, dotato di aiuole attrezzate, percorsi pedonali, archi e gazebo centrale.  Nel roseto è accolta anche la prestigiosa collezione di rose (“Le rose di Giulio”) create da Giulio Pantoli, vivaista ed ibridatore ravennate. Nel 2012 Giulio Pantoli, da sempre legato all’Istituto agrario, certo che qui le sue creature non sarebbero andate perdute, donò alla scuola anche un raro esemplare di rosa, battezzata “Anita Garibaldi”, un ibrido di Tea, il cui marchio è stato depositato presso la Camera di Commercio. Con questo nobile gesto, il grande ibridatore, stimato dai maggiori vivaisti del mondo, ha inteso lasciare ai giovani studenti dell’istituto la sua grande eredità culturale ed esperienziale, affinché fossero sensibilizzati a cogliere il bello della natura e a valorizzarlo.

Il roseto didattico
Il Roseto didattico dell’Istituto Agrario di Cesena

Altre informazioni

Come già detto, nel Campus dell’Istituto Tecnico Agrario di Cesena è annesso anche il Convitto: si tratta di un’opportunità unica di formazione umana e culturale per i ragazzi ed è istituito per agevolare la frequenza scolastica degli alunni provenienti da città lontane che desiderano iscriversi a scuole del comprensorio di Forli-Cesena. Accanto al servizio di convittualità (con pernottamento), la nostra Istituzione offre anche un servizio di semiconvittualità (scuola a tempo pieno e doposcuola) per rispondere alle diverse esigenze che le famiglie oggi manifestano. La struttura ha una capacità ricettiva di 100 posti letto ed è aperta dalla domenica sera al sabato dopo pranzo.
I convittori sono sistemati in ampie e luminose stanze recentemente rinnovate in tutti gli arredi, che possono essere singole, doppie, triple e quadruple. Educatori qualificati sono costantemente a disposizione dei ragazzi durante lo studio, le attività pomeridiane e serali, e anche per l’assistenza notturna. Ogni giornata prevede l’alternanza di momenti di studio e di ricreazione.I ragazzi dispongono di spazi strutturati che offrono le condizioni migliori sia per lo studio che per le varie attività, comprese quelle ricreative. Sono infatti a disposizione degli allievi:

  • tavoli da ping-pong
  • tavoli da biliardo
  • calcio balilla
  • sala computer
  • sala lettura
  • giochi di società
  • 2 sale TV
  • rete wireless con credenziali personalizzate
  • palestra coperta
  • cortili esterni con campo da calcetto e campo da pallavolo.

Il campus dell'Istituto
Campus dell’Istituto Agrario di Cesena

Tra le iniziative di maggior successo, negli ultimi anni l’Istituto ha avviato un Campo estivo dedicato agli studenti delle future prime. Lo scopo del campo è far riprendere in modo graduale lo studio, lavorare al riallineamento delle competenze, stimolare curiosità per le nuove discipline, ma soprattutto promuovere il contatto con i compagni, l’attenzione verso sé stessi e l’ambiente naturale Le studentesse e gli studenti divisi in gruppi, seguono alcune lezioni, partecipano a laboratori didattici, escursioni e passeggiate in natura, oltre ad attività ludiche ed espressive nelle quali esercitare manualità e creatività.
L’Istituto è designato quale organizzatore dell’edizione 2022 della Gara nazionale degli Istituti agrari, poichè lo studente Santucci Enrico, classe 4D dell’articolazione “Gestione ambiente e territorio” si è aggiudicato il primo posto fra i circa 40 Istituti partecipanti all’ultima edizione (2021) della Gara nazionale.

_________________________

Nota della Redazione:
Abbiamo voluto aprire questa serie di articoli speciali, riservati ai diversi Istituti Agrario d’Italia, partendo dal prestigioso “Giuseppe Garibaldi” di Cesena in omaggio al vincitore dell’edizione 2021 della Gara Nazionale degli Istituti Tecnici Agrari, organizzata dall’Istituto Agrario di Firenze.
Gli altri Istituti interessati possono contattare la redazione della Rivista di Agraria.org scrivendo a: info@agraria.org

Print Friendly, PDF & Email

Condividi l'articolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •